V edizione - 2020

Viola Baldassarre

Viola Baldassarre

Dopo il conseguimento del titolo triennale in Lingue nella società dell’Informazione e il titolo magistrale in Progettazione e Gestione dei Sistemi Turistici presso l’Università di Roma “Tor Vergata”, si è profilata la possibilità di intraprendere un master universitario grazie al progetto Torno Subito , un programma di fi nanziamento promosso dalla Regione Lazio.
Alla ricerca di un master all’interno del vasto panorama che li racchiude, scegliere quello in Valorizzazione Turistica e Gestione del Patrimonio Culturale è stato inevitabile: ho riscontrato
negli obiettivi didattici di questo ciclo di studi il giusto completamento della mia formazione universitaria, grazie soprattutto alla scrupolosa ed esauriente attenzione rivolta alla gestione e
valorizzazione del nostro pater munus. Attraverso il master ho avuto la possibilità di intraprendere un tirocinio curriculare presso Vivi Appennino , un ente che tra i molteplici progetti di cui si occupa ha dato vita alla ciclovia più lunga d’Italia: l’ Appennino Bike Tour il Giro dell’Italia che non ti aspetti . In quei mesi ho rea lizzato una mappa interattiva per la promozione delle eccellenze territoriali presenti lungo l’omonima catena montuosa da cui prende nome il progetto. Questa esperienza lavorativa ha fornito un’ulteriore conferma al mio già vivo interesse per la tecnologi a usata in modo virtuoso al servizio della promozione turistica. Tra le altre cose che rientrano di fino all’interno dei miei interessi non posso che includere il project management e i processi di comunicazione turistica.

Scarica la presentazione del Project Work finale di Viola
L’Appennino Bike Tour raccontato da ArcGIS. Un esempio di promozione del territorio in chiave digitale.



Alessia Beretta

Alessia Beretta

Scarica la presentazione del Project Work finale di Alessia
Teatro e Impresa: l’operatività delle corporate membership

Gemma Bucella

Gemma Bucella

A seguito della Laurea Triennale in Beni Culturali conseguita presso il campus di Ravenna dell'Università di Bologna, ho deciso di continuare il mio percorso di formazione virando verso il campo della valorizzazione turistica. Il master è stata una grossa opportunità di scendere in campo, creando progetti e gettando le basi per un futuro orientato più verso l'operatività che gli aspetti teorici. Durante l'anno accademico ho avuto l'opportunità di partecipare, per la prima volta, ad un bando di concorso con due dei miei compagni: progettare, pensare e produrre un documento concreto è stata sicuramente una grande occasione di crescita nell'ambito della progettualità turistica. Personalmente, ho ritenuto fondamentale acquisire basi in materia di turismo, economia, marketing e comunicazione per ampliare le mie conoscenze e continuare verso quello che ritengo sia il percorso lavorativo più adatto a me.

Scarica la presentazione del Project Work finale di Gemma
Luoghi del cuore. L’importanza di conoscere il territorio per valorizzarlo, preservarlo e promuoverlo

Maria Elisabetta Coffari

Maria Elisabetta Coffari

Scarica la presentazione del Project Work finale di Maria Elisabetta

Visit Cesenatico: una strategia di destinazione

 

Giovanni Colussi

Giovanni Colussi

Scarica la presentazione del Project Work finale di Giovanni
Longobardi in Italia. Forme di coinvolgimento e partecipazione del nuovo PdG

Annamaria De Pasquale

Annamaria De Pasquale

Conseguita la Laurea in Lettere Moderne presso l'Università di Ferrara e la Laurea Magistrale in Italianistica, culture letterarie europee, scienze linguistiche presso l'Università "Alma Mater studiorum" di Bologna, successivamente durante lo svolgimento del Master ho acquisito una visione concreta e attuale dei rapporti di interdipendenza tra i fattori culturali e strutturali che influenzano i processi di sviluppo dei sistemi economico-culturali e turistici nel territorio.

Di qui è scaturito anche il mio primario interesse per la promozione del marchio ”Italia” e l’organizzazione di eventi e attività culturali attraverso il potenziamento della capacità di attrattiva che il brand italiano esercita,  veicolando valori culturali di eccellenza e di bellezza riconosciuta in ogni campo e che tanto prestigio e sostegno offrono sia al sistema culturale che al settore economico con particolare riferimento al turismo d’incoming e all’export commerciale del Made in Italy.

L’esperienza maturata nel Master, viepiù, mi ha consentito di approfondire e acquisire le metodologie di studio e le strategie di promozione, valorizzazione e gestione delle risorse territoriali con la consapevolezza che a salvaguardia dell’inesauribile ricchezza del patrimonio culturale materiale ed immateriale dell’Italia, occorre sempre più investire localmente in una nuova visione del futuro dei beni culturali, puntando non soltanto sulla responsabilità del settore pubblico, ma anche significativamente sull’iniziativa dell’imprenditoria privata e del no-profit.

Scarica la presentazione del Project Work finale di Annamaria
Rileghiamoci. Promuovere libri e lettura: l’esempio del Patto Locale per la Lettura di Bologna

Tommaso Di Nicola

Tommaso Di Nicola

Scarica la presentazione del Project Work finale di Tommaso
Il Patrimonio culturale immateriale

Giuliana Divino

Giuliana Divino

Pia Carmela Lombardi

Pia Carmela Lombardi

Scarica la presentazione del Project Work finale di Pia
Mappatura e tracciamento delle policy per il progetto europeo Horizon 2020 rurALLURE

 

 

 

Simona Lunghi

Simona Lunghi

Scarica la presentazione del Project Work finale di Simona
Come nasce il prodotto turistico omogeneo "I cammini di Francesco in Toscana"

Paola Masper

Paola Masper

Ho conseguito la Laurea triennale in Scienze dei Beni Culturali all’Università Statale di Milano, con tesi in ambito archeologico. Ho deciso di iscrivermi al Master in quanto ne ho visto la possibilità di approfondire i miei interessi legati alla valorizzazione, gestione e tutela del patrimonio culturale, e di unire al mio percorso di studi umanistici conoscenze più tecniche e professionalizzanti. Ho sempre avuto un grande interesse per l’ambito museale, in quanto punto di convergenza fra le mie passioni e la volontà di trasmettere e di appassionare il pubblico. A questo proposito, il Master mi ha concesso l’opportunità di svolgere il mio tirocinio presso il Sistema Museale di Ateneo dell’Università di Bologna, lavorando all’interno di un progetto di comunicazione per il Museo di Palazzo Poggi. Durante questo percorso ho avuto la possibilità di mettere in pratica le conoscenze acquisite, e di guardare più da vicino i processi lavorativi necessari al miglioramento e all’intensificazione dell’esperienza museale, nonché delle interazioni e relazioni tra museo e pubblico.

Sono appassionata di archeologia, arte e viaggi, e il mio obiettivo è quello di riuscire ad unire le mie passioni e conoscenze per continuare a lavorare in ambito culturale e di tutela e valorizzazione del patrimonio storico-artistico. 

Scarica la presentazione del Project Work finale di Paola
«E’ QUESTIONE DI SGUARDI». Le collezioni del Museo di Palazzo Poggi si raccontano. Analisi quali-quantitativa dei sistemi di supporto alla visita museale.

Sara Morroi

Sara Morroi

Dopo un percorso triennale in lingue straniere ho deciso di iscrivermi al Master di I livello in Valorizzazione turistica e Gestione del Patrimonio culturale per approfondire le mie conoscenze di ambito turistico e acquisire nuove competenze nel campo della valorizzazione culturale, volendo coniugare il mio interesse per l’arte e la cultura con il mio percorso curricolare.
Durante il corso ho potuto esplorare differenti modalità di progettazione culturale e valorizzazione del settore, facendo esperienza anche delle ultime tecnologie impiegate e dell’implementazione di nuove modalità di interazione attraverso l’uso del web e delle applicazioni.

Ho avuto l’opportunità di svolgere un tirocinio per la Fondazione Links di Torino, grazie al quale ho sviluppato abilità di lavoro in team in contesti nazionali ed europei durante cui ho potuto mettere a frutto le esperienze apprese nel corso del Master. Proprio su questa esperienza è stato basato il mio project work dal titolo ‘Il settore Cultural Heritage di Links Foundation’, che ripercorre i maggiori progetti culturali che ho seguito nel corso del mio lavoro.

Scarica la presentazione del Project Work finale di Sara
Innovative project for sustainable future, Settore cultural Heritage

 


Gaia Paruto

Gaia Paruto

Dopo aver conseguito la laurea triennale in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo, con indirizzo Arti Visive presso l’Università di Bologna, ho ritenuto necessario iscrivermi al Master per poter integrare le mie competenze storiche con capacità pratiche e professionalizzanti nell’ambito culturale.

Ho avuto modo di mettere in pratica le conoscenze acquisite durante le lezioni tramite il tirocinio formativo presso IN LOCO – Il museo diffuso dell’abbandono in Romagna, presso l’Associazione Spazi Indecisi di Forlì. Questo tirocinio mi ha permesso di unire due miei grandi ambiti di interessi: quello museale e quello della rigenerazione urbana. Un aspetto che ho particolarmente approfondito è stato l’organizzazione di un itinerario turistico guidato alla scoperta di luoghi abbandonati che fanno parte del museo.

Grazie al Master e grazie a questo tirocinio ho potuto approfondire l’ambito culturale e turistico in un’ottica di valorizzazione del patrimonio museale anche in senso non convenzionale, aumentando quindi il mio vivo interesse nei confronti della cultura e della valorizzazione intesa anche come rigenerazione.

Ora sto conseguendo i 24 CFU in materie antropo-psico-pedagogiche e metodologie didattiche e svolgo attività di volontariato presso l’Associazione Terra Verde Onlus di Bologna che si occupa di rigenerazione urbana tramite progetti artistici, coinvolgendo giovani con diverse tipologie di disagio sociale.

Scarica la presentazione del Project Work finale di Gaia
Progettazione di un itinerario turistico organizzato per In Loco - Il museo diffuso dell'abbandono in Romagna

 

Marta Rincon

Marta Rincon

Arianna Scala

Arianna Scala

Dopo aver conseguito la Laurea Triennale in Scienze dei Beni Culturali, curriculum Turismo, presso l'Università Suorosola Benincasa di Napoli nel 2018, ho deciso di continuare ad approfondire gli aspetti più pratici e tecnici legati alla valorizzazione e gestione del patrimonio culturale. Le conoscenze acquisite durante il master hanno poi trovato la loro messa in pratica nel tirocinio svolto presso D'Uva srl a Firenze nella figura di Marketing Specialist. Mi sono occupata nello specifico della realizzazione di un progetto: Ohmyguide.school. Il progetto, nato in risposta all'emergenza sanitaria dovuta al Covid-19, ha previsto la possibilità di gite scolastiche virtuali per alunni delle scuole di primo e secondo grado italiane. La grossa partecipazione mi ha permesso di fare una vera e propria analisi con una gestione dei feedback da parte degli insegnanti, i quali hanno avuto la possibilità di partecipare alle anteprime gratuite del servizio offerto. L'interesse per l'arte è da sempre centrale e il mio percorso di studi continuerà con la magistrale in Arti Visive dell'università di Bologna. Mi piacerebbe trovare occupazione in ambito turistico-culturale.

Scarica la presentazione del Project Work finale di Arianna
La digital exeperience di OhmyGuide.school

 

 

Davide Stefanelli

Martina Tanzillo

Martina Tanzillo

 Ho conseguito la Laurea triennale in Scienze dei Beni Culturali presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, avendo un diploma di perito turistico, e cercando un approccio più pratico e diretto al mondo del lavoro ho deciso di iscrivermi al Master di I livello in Valorizzazione turistica e gestione del patrimonio artistico presso l'Università di Bologna, Campus di Ravenna il quale mi ha permesso di avere un continuo confronto con professori e professionisti del settore sia prettamente culturale in riferimento al mondo umanistico che più con approccio economico e pratico. 

Nonostante la situazione pandemica ci abbia permesso di avere solo due mesi di lezione in presenza, è stato fondamentale per conoscerci per poi continuare un lavoro completamente online e a distanza che ci ha permesso di fortificare alcune skills come la continuità nel lavoro di gruppo e le capacità informatiche ma anche di creare e sviluppare progetti ad hoc nati proprio a causa della situazione, abbiamo infatti lavorato a progetti come “Comunicazione, tecnologie e Covid19 nei musei” con il patrocinio della Regione Emilia Romagna e con IBC, collaborato con APT Servizi per il rilancio del prodotto “Castelli in Emilia Romagna”, analizzato situazioni e pensato a come ricominciare dopo i cambiamenti causati dalla pandemia. 

Essendo presenti nei miei interessi la fotografia e l'utilizzo di nuove tecnologie, durante la mia esperienza di tirocinio ho collaborato alla realizzazione di Virtual Experience Online per gli studenti dalla prima media alla quinta superiore, anch'esso progetto nato durante il primo lockdown e prolungato poi con l'aggiunta di nuove esperienze da poter offrire agli studenti, essendo le gite scolastiche in presenza non consentite. 

L’esperienza del Master mi ha aiutata certamente a crescere, il mio sogno di prendere parte a progetti di valorizzazione e di comunicare e divulgare cultura tramite l'unione della storia alle nuove tecnologie continua, spero al più presto di poter applicare le conoscenze acquisite durante l'anno di master ad un impegno lavorativo che garantirà futuro e novità all'Italia che tutti amiamo. 

Scarica la presentazione del Project Work finale di Martina
OH MY GUIDE! Una gita scolastica digitale tra arte, storia e... live streaming!

 

 

Federica Vigilante

Federica Vigilante

Ho conseguito la Laurea Triennale e Magistrale in ambito turistico, in quanto sono una persona estremamente curiosa e con una forte immaginazione. Per tale motivo ho deciso di specializzarmi nel campo delle Cultural Heritage presso l’Alma Mater Studiorum di Bologna, in quanto rinomata per gli studi turistici. Il Master mi ha fornito la possibilità di svolgere il tirocinio curricolare presso l’agenzia di comunicazione Happy Minds, dove ho potuto imparare il mondo dei social network per promuovere realtà turistiche. Questa esperienza mi ha aiutato a comprendere come la creatività riesce ad essere un volano per instaurare un dialogo costante e continuo sia con la comunità locale che con i turisti e i vari stakeholder in modo elegante e animato. Sebbene il mondo della comunicazione mi abbia fatto capire la sua vastità e versatilità, rimango affascinata, e interessata, alla progettazione di itinerari turistici e alla valorizzazioni delle destinazioni mediante nuove pratiche. 

Scarica la presentazione del Project Work finale di Federica
Mercato Coperto di Ravenna. Il rapporto tra il recupero di un luogo simbolo della città in relazione al patrimonio culturale ed enogastronomico locale e alla valorizzazione turistica

 

Marilena Visintin

Marilena Visintin

Dopo aver frequentato il Liceo Scientifico di Gorizia, ho conseguito la Laurea Triennale in Scienze e Tecniche del Turismo Culturale presso l’Università degli studi di Udine, partecipando al contempo all’organizzazione e alla promozione di Gusti di Frontiera, una delle maggiori kermesse enogastronomiche del Triveneto, valido come tirocinio curricolare, esperienza che ha contribuito allo sviluppo della mia tesi di laurea.

Successivamente, ho deciso di frequentare il master dell’Università degli Studi di Bologna in Valorizzazione turistica e gestione del patrimonio culturale con lo scopo di ottenere una visione critica e una forma mentis meno accademica e più pragmatica in questo settore. L’esperienza che ho acquisito deriva in gran parte dai lavori di gruppo propostici dai professori, che mi hanno permesso di conoscere e lavorare con persone provenienti da ogni parte d’Italia, con background accademici e personali differenti, e grazie al tirocinio svolto presso il Museo Storico e il Parco del Castello di Miramare di Trieste, dove, una volta terminato il master, ho ottenuto un impiego come collaboratrice esterna per la promozione e la comunicazione.

Quello che più mi affascina di questo ambito e che mi prefisso come obiettivo è diffondere la conoscenza e l’amore per il patrimonio culturale italiano anche verso coloro che non ne sono al momento coinvolti, grazie ad un rinnovo dei metodi comunicativi, l’utilizzo di nuove tecnologie ed eventi di vario genere da quelli artistici a quelli sportivi, a cui sono personalmente molto legata.

Scarica la presentazione del Project Work finale di Marilena
Comunicare i luoghi della cultura. Il caso del Museo storico e il parco del castello di Miramare