vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione

Struttura

Il Master si propone di formare Medici Veterinari con buone competenze nel campo della fitoterapia clinica applicata e della nutraceutica. La proposta didattica prevede una prima parte di argomenti di base, seguita dalla trattazione di casi clinici che saranno discussi con gli studenti per quanto riguarda i trattamenti allopatici, quindi verranno presentati i prodotti fitoterapici da utilizzare come sostituzione e/o come integrazione alla terapia classica. Saranno prese in considerazione le seguenti specie animali: cane, gatto, cavallo, suino, bovino e avicoli. Il Master si propone di fornire le basi che consentiranno ai partecipanti di mettere in pratica i principi della fitoterapia nell’ambito della propria attività professionale.

 

Nello specifico, gli argomenti trattati nel corso delle lezioni riguarderanno:

 

• il modello terapeutico integrato (ruolo della fitoterapia scientifica nella farmacoterapia moderna)

• la prescrizione del fitoterapico e delle fitopreparazioni, il concetto di fitocomplesso e le principali classi di principi attivi vegetali

• le linee guida e le indicazioni specifiche per la normale pratica clinica

• i parametri di qualità dei fitoterapici, le principali interazioni farmaco-fitoterapico e il loro impatto nella pratica clinica.

 

Il Master prevede differenti modalità di erogazione della didattica:

 

    270 ore di lezione

    18 ore di visite a orti botanici per il riconoscimento delle specie di interesse

    300 ore di stage.

 

Compatibilmente con l’emergenza SARS-Cov-2, le lezioni si terranno presso il Plesso Vespignani (Via Garibaldi 24, Imola), mentre alcune attività pratiche si terranno presso il Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie (Via Tolara di Sopra 50, Ozzano dell’Emilia). A queste si affiancheranno visite didattiche agli orti botanici per l'identificazione delle specie botaniche in campo, seminari e convegni. A completamento della parte teorica, gli studenti sperimenteranno le conoscenze apprese in aula attraverso un periodo di stage (300 ore) o, in alternativa, presentando un project work su argomenti trattati nel corso delle lezioni.

 

La frequenza è obbligatoria; la frequenza minima è pari al 75%.